Andar per Musei – 2° parte

Nella città di Pisa, a Palazzo Lanfranchi in Lungarno Galilei ci sono due esposizioni veramente interessanti, dal titolo “Lo scrigno svelato” e “Netsuke”, (clicca per saperne di più) ancorché poco promosse sono veramente piacevoli e permettono di ammirare opere poco conosciute ma di valore inestimabile. Opere prestate da collezionisti che solo così possono esser apprezzate, a meno che non si conosca il proprietario…

La mostra Lo scrigno svelato. Tesori d’arte dalle collezioni pisane presenta una serie di opere, inedite o particolarmente rare e preziose, legate alla città, alla sua storia, ai suoi monumenti e ai suoi protagonisti.

Dipinti, sculture, disegni, stampe, libri, manoscritti e costumi, provenienti dai più importanti musei e biblioteche pubbliche e da molte collezioni private, sono esposti in un suggestivo percorso che nelle sale del Palazzo Lanfranchi (a sua volta “scrigno svelato”) ricompone, attraverso i secoli, il racconto di una città e di alcune delle sue più belle e significative testimonianze artistiche.

Con la mostra “Netsuke. Capolavori dalla Collezione Bresciani“, il Museo della Grafica di Palazzo Lanfranchi (Comune di Pisa, Università di Pisa) offre un’occasione unica per ammirare una scelta dei piccoli, grandi capolavori provenienti dalla collezione di Edda Bresciani, egittologa di fama mondiale e per lungo tempo docente presso l’Ateneo pisano.

I netsuke sono piccolissime sculture di legno o d’avorio prodotte in Giappone tra il XVII e il XX secolo, venivano fissati alla cintura del chimono maschile con la funzione di contrappeso al contenitore di tabacco o altro. Scolpiti in forme spesso di straordinaria fattura, i netsuke raffigurano un’infinità di temi e soggetti, raccontando l’arte e l’artigianato, la cultura e le credenze religiose, insomma la vita nei molteplici aspetti del Giappone nel corso di quasi quattro secoli.

Noi abbiamo provato a darne un assaggio, Voi andate a mangiare il primo, il secondo e pure il dolce perché Vi garantiamo che le esposizioni meritano.

Un ringraziamento particolare ad Andrea Pochini che mi ha permesso di godere di tanta bellezza e cultura e al Museo della Grafica che ha messo in piedi una mostra di livello internazionale. Peccato però che sia poco pubblicizzata…Nel nostro piccolo, noi proviamo a dare una mano alla mostra e all’eccellenza della nostra città.

Ciclismo

Parigi Roubaix Entrambi targati Italia. Grazie Ragazzi, ci avete veramente emozionato

…non c’è due senza…

Ai mondiali di ciclismo continua l’anno d’oro dello Sport italiano, Filippo Ganna, Filippo Baroncini e la crono mista a squadre ci regalano il primo posto provvisorio nel medagliere, evento unico, inaspettato e per questo ancor più bello. Il Bronzo nella cronometro relay FORZA ITALIA e non è campagna elettorale Un sincero ringraziamento a:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: