La Domus Mazziniana

<<La Democrazia è soprattutto un problema di educazione>>

Giuseppa Mazzini, Pensieri sulla democrazia in Europa, 1846

In Via Mazzini 71, si trova presso Palazzo Nathan-Rosselli la Domus Mazziniana, in quel luogo morì Giuseppe Mazzini nel 1872.

Il 20 marzo 1910 l’edificio è stato dichiarato monumento nazionale.

Nel 1943 a seguito del bombardamento aereo degli alleati sulla Città, sono andati totalmente distrutti gli arredi originali, ma tutti gli oggetti e i cimeli risorgimentali sono arrivati sino a noi grazie alla lungimiranza della Soprintendenza ai Monumenti che li aveva prelevati e posti al sicuro.

La struttura attuale è opera della ricostruzione post-bellica. La Domus venne inaugurata nel giugno del 1952 dal Presidente della Repubblica, Luigi Einaudi. Da quel momento è sede di un’istituzione culturale volta allo studio e all’approfondimento del pensiero Mazziniano, alla diffusione delle sue opere, alla raccolta e conservazione di documenti ed oggetti relativi alla vita e al insegnamento dello Statista italiano.

Da oltre sessant’anni l’Istituto pubblica una rivista semestrale, il Bollettino della Domus Mazziniana, che ha per oggetto la promulgazione di testi di carattere documentario e bibliografico degli scritti italiani e stranieri di argomento mazziniano. All’interno dimora una importante biblioteca che si compone di oltre 40.000 volumi di carattere essenzialmente storico. All’interno è possibile consultare giornali e periodici di indirizzo democratico-repubblicano. Un altro tesoro è l’Archivio che custodisce oltre 87.000 documenti.

Nel 2011, nella ricorrenza del 150° anniversario dell’unità d’Italia, alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è stata inaugurata la Nuova Domus. Il palazzo ospita un’esposizione permanente che ripercorre la vita di Giuseppe Mazzini e i momenti fondamentali del Risorgimento italiano. Una mostra che si compone di documenti, oggetti personali, lettere e fotografie che invitiamo la cittadinanza ad andare ad ammirare.

Il Direttore, Pietro Finelli ci racconta che nel 2019, anno precovid la Domus aveva accolto oltre 2500 visitatori e organizzato direttamente ed indirettamente 50 eventi culturali e scientifici. Nel prossimo futuro punta ad affermarsi come hub culturale della città e punto di riferimento per l’associazionismo di settore. Il progetto più ambito, sviluppato in collaborazione con smal fondazione Ciardelli è quello di costruire definitivamente dar vita alla “rete museale pisana”.

per la cultura, la storia e le tradizioni

STAR WARS

Chi è più pazzo, il pazzo o il pazzo che lo segue! (Obi-Wan Kenobi) Sabato 14 e domenica 15 maggio, Logge di Banchi nel cuore della Città di Pisa, la kermesse dedicata alla saga. Un momento per tutta la famiglia, in ricordo della nostra giovinezza ma anche quella dei nostri figli. Perché il lato OscuroContinua a leggere “STAR WARS”

La principessa…

…Swipe up, si riposa dopo aver stracciato le rivali nel Premio Regina Elena con uno scatto e tempo da paura 1 minuto 35 secondi 40 centesimi. Holy Roman Emperor il padre, Salmon Rose la madre possono andar fieri della loro figlia. P.s.: scusatemi per le immagini non perfette Ed adesso vi svelo un segreto, SeeContinua a leggere “La principessa…”

Pubblicato da marco monaco

Consulente aziendale per l'organizzazione ed il marketing, Medaglia d'oro Avis - donatore di sangue. Presidente di Promosferae Ass.ne Promozione Sociale, organizzazione no profit che si occupa di sociale, formazione, ambiente. Scrittore e fotografo per diletto

3 pensieri riguardo “La Domus Mazziniana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: