Chi è Federigo Severini

Ieri pomeriggio sono andato a trovare un caro amico presso la sua attività, lui fa l’albergatore ed è arrivato a Pisa una decina di anni fa, trasferitosi dalla Romagna e puntando forte sulla nostra città. Ebbene lo devo ringraziare pubblicamente, e lo faccio dal blog che ambisce a contribuire all’offerta turistica della Toscana costiera.

Perché lo devo ringraziare? Perché mi ha donato un libro che fa capire come una parte significativa della città di Pisa si sia evoluta e trasformata nei primi del ‘900.

A fare questa rivoluzione architettonica è stato un ingegnere-architetto. Tutti ammirano le sue opere, in molti ne usufruiscono ma in pochi conoscono il nome dell’ideatore-progettista, specialmente le ultime generazioni, quelle nate dopo la seconda guerra mondiale e che non hanno compiuto studi tecnici specialistici.

Questo celebre personaggio nato a Pisa il 31 marzo 1888, figura eclettica di architetto, ingegnere, accademico, designer, oltre che pittore, è tra gli autori che maggiormente hanno segnato lo scenario architettonico e urbanistico a Pisa nella prima metà del Novecento, il suo nome è Federigo Severini.

Il libro che ho citato in precedenza dal titolo “Federigo Severini, opere e progetti” è edito da una notissima casa Editrice pisana e scritto da Federico Bracaloni e Massimo Dringoli, ti invito a cercarlo e leggerlo attentamente perché fa conoscere la storia contemporanea della città di Pisa e suoi dintorni, quali Casciana Terme, Marina di Pisa, Tirrenia ma anche Viareggio, Livorno, Roma. Località dove il talento pisano ha progettato e lasciato tracce indelebili sullo sky line di quei territori. Ma come se non bastasse è stato anche un prolifero e quotato pittore, ispirandosi al genere macchiaiolo, i suoi dipinti sono molto ricercati e un eccellente collezione è esposta Palazzo Blu (<==clicca e meravigliati).

“Io dipingo per il bisogno di dipingere, senza pretesa di riscuotere ammirazione o per raggiungere materiali vantaggi”.

Federigo Severini

Da oggi cercherò di osservare con ancor più attenzione la storia della mia vita, evitando “di dar per scontato” poiché è bello appagante conoscere la cultura classica e quella degli studi obbligatori ma è altrettanto appagante quella che si scopre attraverso il sentito dire oppure con la curiosità e le osservazioni di dettagli e dintorni. La curiosità appaga e per oggi mi fermo qua, ho intenzione di intervistare quell’imprenditore con la speranza di poter afferrare altri punti di vista inaspettati ed alternativi… non c’è cosa più piacevole al mondo che farsi contaminare di cultura.

Chiudo questa piccola parentesi con una domanda: “Sei mai andato a pagare una “bolletta” alle <<Poste centrali>> della città di Pisa oppure hai mai pregato nella <<Chiesa del Sacro Cuore>> in via Bonanno?”

Ebbene quegli edifici sono l’impronta indelebile sulla città di FEDERIGO SEVERINI.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Ciclismo

Parigi Roubaix Entrambi targati Italia. Grazie Ragazzi, ci avete veramente emozionato

…non c’è due senza…

Ai mondiali di ciclismo continua l’anno d’oro dello Sport italiano, Filippo Ganna, Filippo Baroncini e la crono mista a squadre ci regalano il primo posto provvisorio nel medagliere, evento unico, inaspettato e per questo ancor più bello. Il Bronzo nella cronometro relay FORZA ITALIA e non è campagna elettorale Un sincero ringraziamento a:

L’Italia che vince

Ieri, domenica 19 settembre abbiamo gioito un po’, Gli atleti italiani hanno vinto ovunque e l’Europa si è tinta nuovamente di Azzurro, a Katowice (Polonia) a Copenaghen (Danimarca), a Bruges (Belgio), a Misano adriatico (Italia-San Marino), a Portrose (Slovenia), a Valenzia (Spagna), e forse anche in qualche altra parte a me sconosciuta. Mi raccomando nonContinua a leggere “L’Italia che vince”

Pubblicato da marco monaco

Consulente aziendale per l'organizzazione ed il marketing, Medaglia d'oro Avis - donatore di sangue. La passione per l'osservare, lo scrivere ed il bello gli ha fatto realizzare anche: "Pisa, l'altra faccia della città" racconto fotografico di una città ferita (2009); "Oltretutto", saggio romanzo sui vizi e le virtù della società moderna e post moderna (2013); "Se avessi avuto un'altra testa, non sarei stato Gerry Cavallo", Biografia autorizzata (2016); "Così è la vita", racconti di una vita normale (2020); "Chiedilo ad Eva", romanzo semi-fantascientifico (prossima pubblicazione).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: