Un hastag è per sempre

Il segno che più contraddistingue la nostra vita, ormai lo possiamo dire e scrivere con certezza indiscutibile è l’hashtag. L’etichetta che aggrega i temi. La sua funzione è di rendere più facile per gli utenti trovare messaggi su un tema o un contenuto specifico. L’hashtag può essere creato da chiunque inserendo il carattere cancelletto (#) davanti a una parola o a una frase di un messaggio. La parola può essere composta da lettere, cifre e sottolineature ma non sono permessi gli spazi e i caratteri speciali. La ricerca di un hashtag restituisce tutti i messaggi che sono stati etichettati con esso.

Ma perchè scrivo e descrivo #? Perché oggi pomeriggio ho provato a fare una ricerca sul social in cui viene usato abitualmente ovvero Instagram.

L’etichetta più gettonata è risultata “#instagood” con oltre un miliardo e duecento milioni di post. Le altre parole che riscuotono il maggior successo sono “#fashion” (981milioni), seguita da “#art” (750milioni) e “#beautiful” (716milioni). Il tag che ha destato maggiormente la mia curiosità è “#picoftheday” che raggiunge 625milioni di post. Altri interessanti sono food, foodie, amazing. A seguire la classifica dal primo al decimo posto:

Tra i nomi delle metropoli nel mondo, quella che vince la medaglia d’oro è Londra, infatti il suo “#London” raggiunge oltre 145 milioni di post, a seguire “#Paris” e poi “#Newyork“.

La nazione più taggata è l’Italia che con la parola “#italy” sorpassa 136 milioni di post.

Per quanto riguarda il nome delle nostre regioni, il podio è così composto: 1) Sicilia, 11,23 milioni; 2) Sardegna, 10,77 milioni; 3) Puglia, 10,77 milioni. Cucchiaio di legno alla blasonata Toscana staccata di ben tre milioni di post. Tutte le altre sono ancor più lontane. Ma se la promozione turistica è una competenza regionale, questa rilevazione mette in evidenza poche luci e tante ombre. E allora, la promozione, quella vera, quella che porta consenso e fatturato a chi è delegata?

E le nostre città, in questa speciale classifica, come si piazzano?  Lontano rispetto al resto del mondo. In una classifica tutta nostrana, con sorpresa ma non troppo la prima città è Milano, la seconda è Roma ed al terzo posto c’è Napoli. A seguire Firenze, Venezia e Torino. Ci piace evidenziare che tutte le metropoli americane sono molto molto avanti rispetto alle nostre piccole-grandi città.

Tra le città di provincia spicca il nome della mia città, infatti l’hastag #Pisa riscuote quasi 3 milioni di consensi, staccando abbondantemente città del calibro di Bergamo, Brescia, L’Aquila, Lecce, Matera, Messina, Modena, Parma, Perugia. Pistoia, Ravenna, Rimini, Reggio Calabria, Siena, Trieste.

La nostra benamata penisola ha una storia da raccontare ad ogni chilometro e se si pensa che da Bolzano (A) ad Agrigento (B) ci sono 1570 chilometri ancora una volta mi viene da ripetere la celebre frase «Houston, we have a problem» (Houstonabbiamo un problema).

Con i suoi mille perchè e tutti i suoi ma, comunque la Bella Italia rimane l’unica giostra dove non ci si annoia mai e ovunque si atterri o si approdi c’è sempre qualcosa da ammirare e rimanerne stupefatti.

Tornando all’oggetto del contendere ovvero hastag ed analizzando anche il settore privato, è evidente che i brand della moda piuttosto che dell’industria non riscuotono un grande successo sul social network, infatti solamente il marchio “nike” sorpassa i 100milioni di post.

Ma perché ho fatto questa ricerca e perché ho provato a scriverci qualcosa?

La risposta è semplice, il mercato del turismo affinché possa ripartire deve stare molto attento anche a queste tendenze ed una località piuttosto che un luogo se è al centro dell’interesse è attrattore di arrivi….e più se ne parla, più incuriosisce ed è conseguente la crescita economico-sociale. Quindi, anche attraverso una semplice ricerca come questa è possibile ricavare un’idea e fare una proposta alternativa alle solite mete quali Londra, Parigi o New-York. Vi posso sembrare presuntuoso? No, non lo sono perché conosco molto bene le potenzialità dei nostri territori che niente hanno da invidiare alle mete più conosciute ed aggiungerei più inflazionate, basta appunto un’attenta promozione!

Un ultimo inciso, l’appena nato hastag #dettagliedintorni è lontanissimo dal centro del hastag-galassia ma la rotta è ormai tracciata e noi siamo fiduciosi di arrivarvi al più presto, anche grazie al vostro aiuto!

Ed allora, Buon viaggio per i borghi, la campagna e le città della nostra #bellitalia, ammirando #dettagliedintorni.

Gli ultimi articoli:

Royal Ascot, i numeri

E’ terminata la Kermesse e nel giorno in cui in Italia si corre le Oaks a San Siro – Milano, noi vogliamo concludere il percorso nella viva speranza che possa essere un umile suggerimento a tutto il comparto. Non riusciremo mai a fare tanto per questioni oggettive ma è possibile avviare un percorso di avvicinamentoContinua a leggere “Royal Ascot, i numeri”

Royal Ascot

In attesa di domenica 19 giugno quando in Italia andrà in scena il meeting milanese che comprende anche “le Oaks d’Ialia”, prova di gruppo 2 per le miglior femmine di tre anni, ci accontentiamo della cinque giorni di Ascot. Ovviamente si fa per dire poiché si tratta di uno degli eventi più importanti del galoppoContinua a leggere “Royal Ascot”

Pubblicato da marco monaco

Consulente aziendale per l'organizzazione ed il marketing, Medaglia d'oro Avis - donatore di sangue. Presidente di Promosferae Ass.ne Promozione Sociale, organizzazione no profit che si occupa di sociale, formazione, ambiente. Scrittore e fotografo per diletto

Una opinione su "Un hastag è per sempre"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: