Lo Stemma sabaudo ritrovato

il padre di tutti i ponti

La vera storia del ponte della Vittoria

Non tutti sanno che il ponte della Vittoria è stato costruito per ben tre volte in poco più di 20 anni, dal 1928, giorno in cui fu bandito il primo progetto al 1950 anno della inaugurazione del terzo.

il ponte che non fu mai inaugurato

La scoperta dello stemma ha permesso di riscriverne la storia, siamo andati sino a Firenze, all’Archivio Storico del Comune per esaminare un documento ufficiale del 1940, fino ad oggi rimasto intonso e nascosto negli scaffali dell’Istituzione.

Archivio Storico Comune di Firenze OP_52_1

Un ringraziamento particolare, oltre all’Archivio Storico del Comune di Firenze, va alla Biblioteca Comunale del Comune di Pisa che ha messo a disposizione la pubblicazione “I ponti di Pisa” scritta dallo storico pisano E. Tolaini.

Un ulteriore ringraziamento va ad Andrea Alaimo che ha scoperto il manufatto e Mario Velucchi per il contributo digitale sulla ricerca.

Tutto nasce circa un mese fa quando Andrea Pochini, il noto antiquario pisano, nonché caro amico mi porta con la sua Vespa gialla di fronte al manufatto, da lì parte la ricerca. La vicenda si complica quando con un altro caro Amico, l’avvocato Pietro Gustinucci si ritrovano i disegni originali del progetto (Fondo Bazzani Archivio di Stato di Terni)

Gli elaborati non coincidono con i racconti popolari e quelli scritti dagli storici pisani, con perseveranza approfondisco la ricerca che mi porta a scovare il documento fiorentino e il 24 marzo fisso l’appuntamento per esaminarlo.

Cosa raccontano le 20 pagine dell’opuscolo? Che il primo ponte crollò per responsabilità dell’enorme piena durata una settimana con un picco di piena che scalzò la pila sinistra alla base facendola collassare…

foto estratta dal fascicolo di proprietà dell’Archivio Storico
Il crollo, visto dal lungarno Guadalongo

oltremodo la commissione di inchiesta, nominata dal Ministero dei LL. PP. incaricò il laboratorio di analisi Rodio di Milano di analizzare le terre per approfondire il perché del disastro. Gli specialisti certificarono che il ponte sarebbe comunque crollato perché poggiato su un terreno argilloso paragonabile a sabbie mobili. Nessuno fu incriminato, nessuno fu condannato perché in fase di progettazione non poteva essere prevista la composizione del terreno.

E perché non poteva esser previsto? Perché non c’erano i supporti tecnici adeguati sul territorio nazionale, tanto che il disegno del secondo ponte fu ancora opera dell’arch. Cesare Bazzani

Il secondo ponte che visse dal dicembre 1939 al 1944

Sostanzialmente era identico al primo con gli stessi fregi e cippi sulle spalle, ma le luci non erano più tre identiche bensì la laterali uguali e la centrale più grande per permettere il nuovo ancoraggio all’alveo, con un ulteriore accorgimento, molto più in profondità per trovare terreno stabile.

Il 3 dicembre 1939 il ponte era completato ed inaugurato in pompa magna, L’arch. Cesare Bazzani, non partecipò, perché passato a miglior vita nel marzo 1939.

Nel 1944 i tedeschi in ritirata lo minarono facendolo nuovamente crollare…a distanza di 77 anni il fiume ci ha restituito tutto questo ed altri manufatti:

Lo stemma sabaudo, a certificare il nome del Viale ovvero Umberto I (oggi L.no Fibonacci e L.no Guadalongo)
Il ponte attuale, finito di costruire nel 1950 e recentemente restaurato, tutta la struttura poggia sulle spalle del primo e secondo ponte e sulle pile del secondo, quindi anch’esso è figlio dell’Arch. Bazzani

Lo stemma, come il resto dei reperti si trovano sulla spalla del lungarno Guadalongo e sono ben visibili anche ad occhio nudo senza scendere sull’argine. Noi recliniamo ogni responsabilità se qualcuno decidesse di scendere per ammirarlo da vicino. E’ ragionevole concludere che i reperti siano del secondo ponte poiché nella relazione a firma dell’Ing. De Simone si legge chiaramente che il primo intervento ordinato dalla commissione fu quello di rimuovere tutte le macerie onde evitare ulteriori danni a ciò che rimaneva della struttura e a garanzia del regolare deflusso delle acque.

In conclusione rimane da dire soltanto un ultima cosa, prima o poi la verità viene a galla e viva tutti coloro che hanno la perseveranza di ricercarla.

Se sei interessato a leggere la storia integralmente acquista il nostro opuscolo in formato pdf

Lo Stemma ritrovato

La vera storia del Ponte della Vittoria

3,00 €

NOTA DI REDAZIONE: tutte le immagini sono opera di Marco Monaco e sono soggette al diritto d’autore

Gli ultimi articoli

Ciclismo

Parigi Roubaix Entrambi targati Italia. Grazie Ragazzi, ci avete veramente emozionato

…non c’è due senza…

Ai mondiali di ciclismo continua l’anno d’oro dello Sport italiano, Filippo Ganna, Filippo Baroncini e la crono mista a squadre ci regalano il primo posto provvisorio nel medagliere, evento unico, inaspettato e per questo ancor più bello. Il Bronzo nella cronometro relay FORZA ITALIA e non è campagna elettorale Un sincero ringraziamento a:

L’Italia che vince

Ieri, domenica 19 settembre abbiamo gioito un po’, Gli atleti italiani hanno vinto ovunque e l’Europa si è tinta nuovamente di Azzurro, a Katowice (Polonia) a Copenaghen (Danimarca), a Bruges (Belgio), a Misano adriatico (Italia-San Marino), a Portrose (Slovenia), a Valenzia (Spagna), e forse anche in qualche altra parte a me sconosciuta. Mi raccomando nonContinua a leggere “L’Italia che vince”

Pubblicato da marco monaco

Consulente aziendale per l'organizzazione ed il marketing, Medaglia d'oro Avis - donatore di sangue. La passione per l'osservare, lo scrivere ed il bello gli ha fatto realizzare anche: "Pisa, l'altra faccia della città" racconto fotografico di una città ferita (2009); "Oltretutto", saggio romanzo sui vizi e le virtù della società moderna e post moderna (2013); "Se avessi avuto un'altra testa, non sarei stato Gerry Cavallo", Biografia autorizzata (2016); "Così è la vita", racconti di una vita normale (2020); "Chiedilo ad Eva", romanzo semi-fantascientifico (prossima pubblicazione).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: